dot Terremoto de L'Aquila: condannati a sei anni i membri della Commissione Grandi Rischi

immagineAvrebbero fornito ai cittadini aquilani informazioni insufficienti e incomplete sul rischio sismico.

Per questo il giudice Marco Billi del tribunale de L'Aquila ha condannato in primo grado a sei anni di reclusione i sette membri della Commissione Grandi Rischi che parteciparono alla riunione del 31 marzo 2009, rassicurando tutti sull'improbabilità di una forte scossa sismica, che invece si verificò pochi giorni dopo, il 6 aprile. L'accusa aveva chiesto 4 anni.

I sette esperti, Franco Barberi, Enzo Boschi, Mauro Dolce, Bernardo De Bernardinis, Giulio Selvaggi, Claudio Eva e Gianmichele Calvi, sono stati ritenuti colpevoli di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose. Per loro è scattata anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici, oltre alla condanna al risarcimento di 7,8 milioni di euro.

"Avvilito e disperato": così si è sentito Enzo Boschi, ex presidente dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), commentando a caldo la sentenza che lo vede colpevole. "Sono frastornato, devastato, ero convintissimo che sarei stato assolto perché non ho mai rassicurato nessuno. E questo perché - afferma Boschi - nessuno è in grado di prevedere terremoti quindi io non rassicuro nessuno". Sullo stesso tono le reazioni degli altri imputati: "Mi ritengo innocente di fronte a Dio e agli uomini", ha commentato il professor Bernardo De Bernardinis, ex vicecapo della Protezione civile e attuale presidente dell'Ispra.

La sentenza ha destato molta preoccupazione nel mondo scientifico: Paolo Messina, direttore dell'Istituto di geoingegneria del Cnr, l'ha definita "una condanna durissima". "Non vorrei passasse il messaggio che i terremoti si possono prevedere, perché ciò è impossibile", sostiene Messina. La sentenza costituisce infatti un pericoloso precedente, che potrebbe minare e condizionare il rapporto tra esperti politici e decisori politici.

Parla di "profondo errore" Luciano Maiani, attuale presidente della Commissione Grandi Rischi, secondo cui le persone condannate "sono professionisti che hanno parlato in buona fede e non spinte da interessi personali." Si condanna loro, continua Maiani, ma "non c'è nessuna indagine su chi ha costruito in maniera non adeguata ad una zona antisismica. Questo è un profondo sbaglio".

di Marco Vitaloni
vivere.biz/marcovitaloni

Spingi su!        

 


Commenti

Vuoi commentare questo articolo?

Nome e cognome (necessario - In caso di dati falsi o incompleti il commento verrà sconsigliato):

Indirizzo email (necessario):
desidero ricevere la newsletter

Accedi o registrati

Il tuo commento:

CAPTCHA ImageInserire il codice in figura:

Immagine troppo complicata?

qrcode

Gli articoli di oggi

Edizioni Vivere

No fotoLe tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa ai nostri quotidiani.

VIVERE MARCHE

VIVERE UMBRIA

    VIVERE ABRUZZO

      VIVERE PUGLIA

      VIVERE CAMPANIA

        VIVERE EMILIA ROMAGNA

          VIVERE TOSCANA

            VIVERE VENETO

              VIVERE ROMA

              ARTICOLI PIU' LETTI

              ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

              ICittà
              Imprese Italiane su ICittà