dot Siria: Assad accetta la proposta russa, armi chimiche sotto tutela internazionale

immagineIl regime siriano ha accettato la proposta avanzata dalla Russia di mettere sotto il contro internazionale il proprio arsenale di armi chimiche.

Nelle intenzioni di Mosca si tratterebbe del primo passo di un processo che porterebbe alla distruzione delle armi chimiche siriane. Il ministro degli Esteri siriano, Walid al-Muallim, ha dichiarato che la Siria ha accettato l'intesa perché rimuoverebbe le ragioni di un'aggressione americana. L'iniziativa suggerita da Mosca aveva già ricevuto la benedizione del segretario generale dell'Onu, Ban Ki Moon, della Lega Araba e in seguito della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Più cauta la posizione francese: il ministro degli esteri Fabius ha precisato che il regime di Damasco deve assumere “impegni precisi, rapidi e verificabili”. Secondo i ribelli siriani invece la possibile svolta è solo una strategia dilatatoria, che mira solo a temporeggiare. Scettico anche il governo di Israele, che considera Assad "inaffidabile".

Le concessioni del regime e l'accettazione del piano russo potrebbero rappresentare una svolta nella crisi siriana, tanto da indurre Barack Obama a parlare di "uno sviluppo potenzialmente positivo". Una soluzione diplomatica che era già stato oggetto di conversazioni con Putin durante il G20. La posizione degli Stati Uniti rimane però prudente, e Obama chiederà comunque l'ok del congresso per l'intervento militare in Siria.

L'apertura però c'è. Secondo il capo della staff della Casa Bianca Denis McDonough la priorità adesso va data all'opzione diplomatica e non più a quella militare. E dopo un giro di telefonate, Obama, il presidente francese Hollande e il premier britannico Cameron si sono detti d'accordo sull'avvio delle consultazioni con Russia e Cina per esplorare la reale fattibilità della proposta russa in modo da garantire la reale e verificabile distruzione delle armi chimiche siriane.

Intanto Human Rights Watch ha diffuso un rapporto secondo il quale "le prove a disposizione indicano con evidenza come siano state le forze governative siriane" a condurre l'attacco con armi chimiche del 21 agosto.

di Marco Vitaloni
vivere.biz/marcovitaloni

Spingi su!        

 


Commenti

Vuoi commentare questo articolo?

Nome e cognome (necessario - In caso di dati falsi o incompleti il commento verrà sconsigliato):

Indirizzo email (necessario):
desidero ricevere la newsletter

Accedi o registrati

Il tuo commento:

CAPTCHA ImageInserire il codice in figura:

Immagine troppo complicata?

qrcode

Gli articoli di oggi

Edizioni Vivere

No fotoLa tua opinione è importante
Su tutti gli articoli di questo giornale è possibile lasciare un commento. L'idea che tutti stanno aspettando è nella tua tastiera!

VIVERE MARCHE

VIVERE UMBRIA

VIVERE ABRUZZO

    VIVERE PUGLIA

    VIVERE CAMPANIA

      VIVERE EMILIA ROMAGNA

      VIVERE TOSCANA

      VIVERE VENETO

        VIVERE ROMA

          ARTICOLI PIU' LETTI

          ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

          ICittà
          Imprese Italiane su ICittà