dot Sudan: giovane cristiana condannata a morte per apostasia

immagineUna donna sudanese è stata condannata a morte. La giovane, Meriam Yeilah Ibrahim, 27 anni, è incinta all'ottavo mese ed è attualmente in carcere con il figlio di 20 mesi.

La giovane infatti, nata da madre cristiana e padre musulmano ha deciso di sposare un cristiano, ma la legge islamica, in vigore in Sudan, stabilisce che non è valido un matrimonio tra una musulmana e un non musulmano. La donna ha in seguito avuto un figlio, ma questo è considerato come nato fuori dal matrimonio.

Il giudice del tribunale di Khartum l’ha quindi condannata a 100 frustate per “adulterio” e all’impiccagione per apostasia, (cioè per aver rinnegato l’Islam). Manifestazioni di protesta fuori dal tribunale dopo la condanna. Anche Amnesty International si è schierato a favore della giovane chiedendone la liberazione.

di Sara Santini
redazione@viveremarche.it

Spingi su!        

 


Commenti

Vuoi commentare questo articolo?

Nome e cognome (necessario - In caso di dati falsi o incompleti il commento verrà sconsigliato):

Indirizzo email (necessario):
desidero ricevere la newsletter

Accedi o registrati

Il tuo commento:

CAPTCHA ImageInserire il codice in figura:

Immagine troppo complicata?

qrcode

Gli articoli di oggi

Edizioni Vivere

No fotoAccesso universale
Con il tuo username e la tua password puoi accedere e commentare su tutti i quotidiani "Vivere"!

VIVERE MARCHE

VIVERE UMBRIA

    VIVERE ABRUZZO

      VIVERE PUGLIA

        VIVERE CAMPANIA

          VIVERE EMILIA ROMAGNA

            VIVERE TOSCANA

              VIVERE VENETO

                VIVERE ROMA

                  ARTICOLI PIU' LETTI

                  ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

                  ICittà
                  Imprese Italiane su ICittà